Varriale e Alvino attaccano: “Calcio sotto dittatura e in coma irreversibile…”

Il giorno dopo di Inter​-Napoli è ancora più caldo. Tanti gli addetti ai lavori che sono intervenuti su quanto successo durante la gara della 18ª giornata di Serie A e gli ululati dei tifosi nerazzurri verso Kalidou Koulibaly, difensore partenopeo.

Anche i napoletani non hanno accettato la cosa e lo hanno dimostrato soprattutto sui social. Come fatto da due giornalisti campani, Enrico Varriale di Rai Sport e Carlo Alvino, ex voce tifoso di Sky.

Ecco cosa hanno scritto i due su Twitter:

VARRIALE – ​Secondo me hanno sbagliato: Aurelio De Laurentiis su Mazzoleni, Massimiliano Allegri a metterci il carico da undici, Koulibaly e Lorenzo Insigne (autore pure lui di alcuni brutti gesti, ndr), ma l’immagine del nostro calcio è devastata da cose come i “buuu” razzisti non tollerati in nessuno stadio d’Europa. Non basta copiare il boxing day. E poi una domanda: ma perché Mazzoleni può essere così “comprensivo” nei confronti dei reiterati “buuu” razzisti, ignorando le richieste di sospensione avanzate per tre volte dal Napoli, e poi dimostrarsi severo, senza alcuna “comprensione” verso l’applauso di Koulibaly?”.

ALVINO – “Senza girarci tanto intorno. La gara l’ha decisa Mazzoleni. La sua totale e perfida mancanza di buon senso nei confronti di Koulibaly e l’ignavia con la quale ha gestito il razzismo di San Siro sono il manifesto di un calcio sotto dittatura e in coma irreversibile…”.

Per essere sempre aggiornato su tutto ciò che succede alla tua squadra del cuore seguici anche su Facebook ,  Diventa fan della nostra pagina ufficiale 

 

 

fonte:.90min.com

Precedente Scontri ultras Inter-Napoli, Salvini: "Non si può morire per una partita! Parlerò con le società..."

Lascia un commento

*