Paoletti shock: “Primi screzi ADL-Ancelotti: è stato bocciato! Non ha gradito la…”

​Il giornalista Paolo Paoletti ha affidato a Facebook il suo pensiero riguardo il Napoli di Aurelio De Laurentiis e Carlo Ancelotti. Ecco quanto evidenziato: “Il calciomercato è un mondo inesplorabile: bugie, invenzioni, parole date e rimangiate, impegni presi e disattesi, sogni, fantasie, aspirazioni e quant’altro possa descrivere le trattative: strategie e tattiche, desideri e realismo, sopratutto promesse tra allenatori e presidenti che si risolvono in tutt’altro. Con un tema di fondo: è giusto che i giocatori siano scelti dalle società, visto che gli allenatori vanno e vengono; oppure è giusto che siano i tecnici, sopratutto bravi ed esperti come Ancelotti, ad indicare quali giocatori prendere?

Sono cominciate, infatti, le prime incongruenza tra Ancelotti e De Laurentis! ADL ha appena dichiarato il no a Balotelli “perchè di attaccanti il Napoli ne ha già diversi” (Mertens, Milik, Inglese…) ma Carletto fa sapere che ne vuole subito uno: Mariano Diaz.

Inoltre De Laurentis ha stretto un accordo di consulenza con Jorge Mendes, con il quale sta per chiudere Rui Patricio, assistito dal potente agente di Mou e CR7, ma Ancelotti blocca tutto perchè vuole Areolà… portiere del PSG e della nazionale francese!

Neanche cominciato ed il mercato già fa discutere non per i nomi ma per i contrasti tra i due protagonisti azzurri… cinepresidente e tecnico. Possibile che la solfa non cambi mai?

PORTIERE. Sembrava mancare solo l’annuncio ufficiale per l’arrivo di Rui Patricio dallo Sporting Lisbona, ma a quanto pare Carlo Ancelotti vorrebbe un altro nome per la porta del suo Napoli. Secondo quanto scrive il Diario de Noticias e riportato anche da Il Corriere dello Sport, la prima scelta del nuovo tecnico azzurro sarebbe Areola, in uscita dal Paris Saint Germain, a 20 milioni, perchè con contratto in scadenza 2019 e niente rinnovo per l’arrivo di Buffon. Bloccata, dunque, la trattativa con Rui Patricio.

CENTRAVANTI. Carlo Ancelotti mette un attaccante nel mirino per il suo Napoli. Il nuovo allenatore degli azzurri vorrebbe portare all’ombra del Vesuvio – racconta Il Corriere dello Sport – Mariano Diaz, bomber del Lione che compirà 25 anni ad agosto. L’attaccante spagnolo naturalizzato dominicano è cresciuto praticamente sotto gli occhi di Carlo Ancelotti, formandosi al Real Madrid dove è arrivato a 18 anni militando un paio di stagioni nella squadra C e un altro paio in quella B, proprio quando il tecnico della prima squadra del Real era Ancelotti.

PRIMO GRANDE NO. Federico Chiesa nel mirino del Napoli, non una novità: che l’attaccante fosse uno dei principali obiettivi di mercato del club partenopeo è cosa nota, ma stando a quanto racconta La Gazzetta dello Sport la trattativa sta per entrare nel vivo: il presidente De Laurentiis ha fatto un tentativo per convincere la Fiorentina negli ultimi giorni, ma non è andato buon fine. Offerta da 50 milioni di euro più due giocatori a scelta (tra cui Rog) non sono bastati per convincere la società viola.

BUCO JORGINHO. Incontro tra Sampdoria e Napoli per Torreira, il centrocampista che può essere il sostituto di Jorginho per il quale si aspetta la chiusura a 48 milioni con una enorme plusvalenza essendo stato pagato 9,5 mln in 2 anni e lanciato da Sarri.

Ancora a centrocampo l’addio ufficiale alla Fiorentina di Badelj ha scatenato l’asta tra tanti top team per assicurarselo. Svincolato e libero di accasarsi a parametro zero, il centrocampista croato (29 anni) vorrebbe giocare la Champions League e sulle sue tracce si stanno muovendo Juventus e Napoli, con gli azzurri a spingere. Su Badelj sembrano aver mollato la presa Lazio e Inter”.

Per essere sempre aggiornato su tutto ciò che succede alla tua squadra del cuore seguici anche su Facebook ,  Diventa fan della nostra pagina ufficiale                                                                

 

 

fonte:90min.com

Precedente Il Napoli punta Barella del Cagliari ma la richiesta è troppo elevata Successivo CRC – Hamsik vuole partire per 6 milioni, ADL non fa sconti: non lo libererà come Iniesta