Milan, Inzaghi: “Darei la 9 a Cutrone. Avevo firmato per il Napoli, ma dopo quel goal…”

L’ex attaccante del Milan, ora allenatore del Venezia, Filippo Inzaghi, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Tiki Taka: “Sono felice, stiamo facendo molto bene. Abbiamo vinto la Serie C e siamo partiti quest’anno con l’obiettivo di salvarci, poi i ragazzi sono stati bravissimi e adesso siamo in una posizione di classifica invidiabile. Veniamo da cinque vittorie consecutive e stiamo facendo bene, speriamo di chiudere al meglio la stagione e che possa arrivare una gioia inattesa”.

 

I MIEI GOAL – “Rivedere i miei goal mi emoziona sempre. Sono contento perché, anche quando vado in trasferta, ricevo sempre belle accoglienze soprattutto al termine delle partite. Negli ultimi stadi in cui sono stato sembravo quasi il loro allenatore e questo è bellissimo”.

FINALE DI COPPA ITALIA – “Sono felice che il Milan torni a giocarsi un trofeo. Non sarà semplice contro la Juventus, ma i rossoneri ci arrivano bene. In una gara secca può accadere di tutto. Il pronostico è aperto”.

IL FRATELLO SIMONE – “Non è una sorpresa per me, conosco da tempo il suo valore.Quest’anno comunque andrà finire sarà stata una grande stagione. Ha sfiorato la semifinale di Europa League e la finale di Coppa Italia ed è lì a giocarsi la Champions con Roma e Inter, quando nessuno metteva la Lazio tra le prime quattro. Ha fatto un’annata straordinaria, è uno dei migliori della Serie A e io lo studio”.

GATTUSO – “Lo sento spesso e gli auguro il meglio: quando il Milan va bene sono contento. Sta facendo grandi cose in questa stagione, ha meritato la conferma”.

PATRICK CUTRONE – “L’abbiamo fatto esordire in Primavera tre anni prima del dovuto, Stefano Nava mi parlava sempre di lui. Mi piacerebbe che un giorno possa indossare la maglia numero 9 del Milan e provasse le stesse gioie che ho provato lui. Non sarà facile ma lui se lo meriterebbe, è davvero bravo“.

ESPERIENZE AL MILAN E ALLA JUVENTUS DA CALCIATORE – “Quando giocavo io, vinceva la Juventus o il Milan. Sono stato fortunato a giocare per quelle società. C’era grande organizzazione e competenza, dovevi solo pensare a giocare”.

RETROSCENA NAPOLI – Avevo già firmato per il Napoli poi quella sera segnai in Coppa della Coppe il goal decisivo e non mi fecero più partire. Simone Inzaghi andrà al Napoli? Lui pensa solo a concludere al meglio la stagione e al suo matrimonio in programma il prossimo 2 giugno. Io sono il testimone, ma se dovessi giocare i playoff non so neanche se riuscirò ad andare”.

SCUDETTO – Complimenti a loro per la continuità e per il lavoro. Hanno fatto bene anche in Champions in questi anni. La forza della Juve è la continuità. Faccio però i complimenti al Napoli perché ha fatto soffrire una corazzata come la Juventus fino alla fine, ha fatto una grande stagione”.

Per essere sempre aggiornato su tutto ciò che succede alla tua squadra del cuore seguici anche su Facebook ,  Diventa fan della nostra pagina ufficiale                                                                  

 

 

fonte:90min.com

Precedente Stupefacente Ghoulam, ma arriva l'allarme dei dottori: "Purtroppo..." Successivo Fedele: “Ciclo di Sarri finito, per il futuro allenatore ho fiducia nel presidente”