“Ora posso dirlo, ecco perché sono andati via da Napoli!”, BIANCHI SPIAZZA TUTTI: L’HA DETTO DAVVERO

​Bella intervista di Walter Veltroni a Ottavio Bianchi sul Corriere dello Sport.

«Parlano tutti del fatto che non si allenava ma non era vero perché Diego era l’ultimo a uscire, bisognava mandarlo via perché altrimenti restava ore per inventare le punizioni».

«A Napoli non volevo andare – dice – conoscevo l’ambiente e sapevo anche, per esperienza vissuta, che noi, anche quando avevamo una grande squadra, non vincevamo (…). Per vincere bisogna avere delle basi di lavoro e non crearsi alibi, se tu hai degli alibi a Napoli hai finito (…). Poi c’è stato il salto di qualità, abbiamo vinto lo scudetto e poi sono cominciate un po’ di beghe, come al solito. Non si è abituati a vincere, a Napoli, però sicuramente le mie stagioni sono state positive».

Sulle ragioni del suo addio, Bianchi tocca temi come probabilmente non aveva mai fatto. Non in questo modo esplicito. «I comportamenti di alcuni giocatori – dice – erano dei comportamenti molto particolari. Dissi ai dirigenti: “va bene, io faccio l’allenatore voi fate i dirigenti. Li chiamate, magari davanti a me, e chiedete spiegazioni”. Loro non vollero farlo». All’epoca il direttore generale era Luciano Moggi. Arrivò a giugno 1987 (subito dopo lo scudetto). E andò via il 17 marzo 1991, tre giorni prima di Napoli-Bari la partita in cui Maradona venne trovato positivo all’antidoping.

«Non posso condannare i giocatori se non ho le prove e allora decisi di togliere il disturbo perché non ero più in grado di allenare come volevo. Avevo la sensazione che la cosa mi stesse sfuggendo di mano anche perché le chiacchiere su certi giocatori erano molto pesanti». Bianchi non rivela quali fossero questi comportamenti. «Sono piuttosto gravi, meglio non dirli. È meglio che glieli dica Ferlaino. Per quello che mi dicevano loro, erano situazioni gravi. Talmente gravi che io non ero all’altezza di superarle».

Fonte: ​ILNAPOLISTA.IT

Per essere sempre aggiornato su tutto ciò che succede alla tua squadra del cuore seguici anche su Facebook ,  Diventa fan della nostra pagina                 

Lascia un commento

*